Vermouth, what else?


Oltre che per il vino, anche per quanto riguarda i cocktails si può raccontare la storia di un territorio, ricca di tradizioni e forte di uomini eccelsi che lo hanno reso famoso in tutto il mondo. Osservare le precise fasi di preparazione, farsi rapire dalle sue molteplici tonalità e, infine, degustare un nobile cocktail a base di Vermouth significa riscoprire più di duecento anni di storia piemontese, dalle sfarzose corti dei sabaude fino ai giorni nostri.

Il vermouth di Torino è un patrimonio collettivo dei piemontesi, che vede nella corte reale dei Savoia il primo grande promotore di un prodotto che, in particolare a partire dalla fine del XVIII secolo, generò una fiorente industria che fece del Piemonte il Regno del Vermouth.

Nel dettaglio, quella del Vermouth è un’avvincente storia che trae le sue origini nel 1786 quando il giovane distillatore Antonio Benedetto Carpano decise di creare una nuova bevanda miscelando due proposte tipicamente piemontesi: il vino con erbe e radici dei campi. Scelse un vino bianco per andare incontro al palato delle signore e vi unì una trentina di aromi, dall’assenzio al cardamomo, dalla china al coriandolo, dal rabarbaro alla vaniglia, lasciandoli in infusione con alcol e zucchero. Lo chiamò Vermouth, in onore della Germania e del sommo poeta Johann Wolfgang Goethe, che dicono amasse. Il termine Vermouth nasce da wermut, ovvero l’artemisia (o assenzio maggiore). A questa prima intuizione ne seguì una seconda, più commerciale e, quindi, decisiva. Carpano mandò una cassa di vermouth ala corte dei Savoia e Re Vittorio Amedeo III ne rimase entusiasta e ben presto contagiò tutta la nobiltà sabauda, vuoi per gusto vuoi per semplice ossequio nei suoi confronti. Fu la svolta decisiva per Carpano e per la sua attività, che ben presto decollò dalla piccola bottega di piazza Castello, all’angolo con via Viotti, dove una lapide celebra ancora oggi il ricordo di quel giorno.

Oggi il Vermouth di Torino è un’eccellenza enologica italiana e dal 22 marzo 2017 il ministero delle Politiche agricole alimentari e forestali ha approvato il suo disciplinare di produzione, distinguendolo di fatto dalla più ampia categoria di vermouth.


365 COMUNICATION Srl

Strada Valenza 4/H

15033 Casale Monferrato (AL)

P.IVA 02522050067

RIVISTA CARTACEA

VINERIA e OSTERIA

ENOTECA

365 MONFERRATO VINERIA e OSTERIA

Via Dante Barbano 9

15034 Cella Monte (AL)

Tel +39 344 2904236